Dolore senza cause apparenti

In molti atleti compare di frequente una manifestazione dolorosa apparentemente primitiva che rappresenta da sola la quasi totalitÓ del quadro patologico. Tale sintomatologia raggiunge talvolta un elevato grado di intensitÓ con conseguenti limitazioni funzionali. Si prendano ad esempio le cervicobrachialgie, le lombosciatalgie, le pubalgie, i dolori in sede tibiale e tibiotarsica e a livello del ginocchio, le epicondiliti, eccetera. La causa della sintomatologia dolorosa in una parte dei soggetti appare imputabile ai punti trigger presenti nelle strutture somatiche che possono essere individuati mediante compressione nell'area del dolore oppure in area pi¨ o meno lontana da questa, ma metamericamente connessa. In questo caso la sintomatologia dolorosa pu˛ essere riferita generalmente a microtraumi ripetuti che sono causati a volte dallo stesso gesto atletico, a volte da un'imprecisa esecuzione, a volte da vizi di postura. In alcuni casi i punti trigger sono in rapporto a esiti di pregressi traumi clinicamente guariti. Altre volte si pu˛ diagnosticare una causa vertebrale: in pratica si ipotizza che i tendini dei muscoli acquisiscano, in conseguenza di una irritazione di una radice nervosa cervicale o lombare, una minore tolleranza allo stress o una soglia di sensibilitÓ pi¨ bassa.